2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

I Simboli Massonici di Washington DC - Gli Alieni e la nascita degli Stati Uniti d'America [Parte 4]


Alessandria, Virginia, 1791. Durante una cerimonia massonica lungo le rive del fiume Potomac, Geroge Washington poggia la prima pietra delimitando il confine settentrionale di quello che diventerà il distretto di Columbia.

Ma cosa succede quando poggia la prima pietra? Washington sparge del grano, versa del vino e dell'olio. Il grano è simbolo di prosperità, l'olio è simbolo di pace e il vino è simbolo di felicità.

I Massoni nel frattempo cantano, poi viene recitata un'orazione e vengono fatte sparare delle armi di artiglieria. E' una cerimonia straordinaria.

Secondo gli studiosi, la capitale sin dall'inizio viene riempita di antichi simboli.
I Teorici degli Antichi Astronauti considerano la struttura più alta della città, il Monumento a Washington, come prova del fatto che la capitale americana viene costruita di proposito con uno sguardo alle stelle.

La Massoneria dei Padri Fondatori - Gli Alieni e la nascita degli Stati Uniti d'America [Parte 3]



Baton Rouge, Louisiana, 5 aprile 1800.
L'astronomo William Dunbar dice all'allora vicepresidente Thomas Jefferson di aver visto una luce luminosa incandescente, grande come una casa, librarsi a quasi 200 metri da terra.

"Era piuttosto luminosa, emanava un'enorme quantità di calore e precipitò a non molta distanza. Distrusse l'intera zona. Tuttavia, date le presunte dimensioni e la velocità con cui l'oggetto si muoveva non formò un cratere di una grandezza tale da corrispondere ad un oggetto come quello."
Derrick Pitts
Capo Astronomo, Franklin Institute

I dettagli dell'avvistamento fanno capire che è impossibile che si trattasse di un meteorite. Non si muoveva abbastanza velocemente. Era qualcosa di inspiegabile. Qualcosa di molto insolito. E Jefferson prese questa testimonianza molto sul serio.

La inoltrò come avrebbe inoltrato qualsiasi altro resoconto relativo a una scoperta scientifica o a un'osservazione naturale.
Jefferson rimase così impressionato da questo racconto che lui stesso, il vicepresidente degli Stati Uniti, ne mise a conoscenza la Società Filosofica Americana.
Ma cos'era questa Società Filosofica Americana?

Venne fondata da Benjamin Franklin a Philadelphia, e all'epoca rappresentava la quintessenza intellettuale americana. Di questo gruppo facevano parte alcuni dei più grandi pensatori degli Stati Uniti. Insieme si dedicavano alla stesura di documenti filosofici e all'esame di ogni genere di fenomeno da un punto di vista scientifico.

Non è una coincidenza il fatto che Thomas Jefferson e Benjamin Franklin credessero entrambi nell'esistenza degli extraterrestri. Erano uomini di scienza, erano astronomi che avevano studiato le condizioni atmosferiche. Credere negli extraterrestri faceva parte della loro visione scientifica dell'universo.

"Thomas Jefferson rimane ancora oggi uno dei più importanti personaggi pubblici della storia americana ad aver parlato di UFO."
Prof. Bill Birnes
Autore "The Haunting of America"

L'incontro ravvicinato di George Washington con un essere di un altro mondo.
Thomas Jefferson che avvista un UFO.
Questi eventi possono suggerire che i Padri Fondatori non solo credono nell'esistenza degli extraterrestri ma di fatto li incontrano?
Forse la risposta può nascondersi nei simboli e nei codici di una società segreta di cui lo stesso Washington è membro.

Il mistero di Valley Forge - Gli Alieni e la nascita degli Stati Uniti d'America [Parte 2]



Valley Forge, Pennsylvania, Inverno del 1777. La Rivoluzione Americana è al culmine. Dopo diverse e sanguinose battaglie contro le forze britanniche, l'esercito di George Washington è allo stremo.

Valley Forge è l'accampamento invernale dell'Esercito Continentale che viene creato per combattere la Rivoluzione. Gli Inglesi hanno preso Philadelphia e Washington ha deciso di schierare 12.000 truppe ai confini della città.
Steven Bullock
Professore di Storia Americana
Istituto Politecnico di Worcester
Questo è il periodo più oscuro della Rivoluzione Americana, quando la gente pensava che gli Stati Uniti non avrebbero mai vinto.
Donald A. Grinde Jr.
Titolare di Cattedra e Prof. di Studi Americani
Università di New York, Buffalo
Washington tenta di capire cosa fare e prova a tenere insieme l'esercito; ci sono pochi soldi a disposizione e i rifornimenti sono scarsi. I soldati spesso non hanno neanche le scarpe. Molte storie raccontano di impronte insanguinate nella neve.

Le condizioni sono talmente dure che Washington scrive:
"A meno che non avvenga subito un cambiamento radicale, questo esercito dovrà inevitabilmente morire di fame, sciogliersi o dividersi".


Alla fine Washington rimane a Valley Forge, costretto dagli Inglesi a rimanere sulle sue posizioni e questo rappresenta un punto di svolta nella guerra. Ma da cosa viene confortato Washington in queste ore così buie?


Alcuni credono che sia una strana visione che ha in un momento di preghiera.

I Padri Fondatori - Gli Alieni e la nascita degli Stati Uniti d'America [Parte 1]


Washington DC, 19 luglio 1952. Le tensioni tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica sono sempre alte, alimentate dall'opposizione russa al coinvolgimento americano nella guerra di Corea. In questo momento cruciale, l'addetto al controllo del traffico aereo dell'aeroporto internazionale di Washington nota 7 strani oggetti sullo schermo del suo radar, ma capisce immediatamente che non si tratta di aerei militari sovietici.

"Dalla torre riuscirono anche a vedere delle enormi luci luminose che si muovevano molto rapidamente, e si spostavano a gran velocità, ma che poi sparirono all'improvviso".
Chris Pittman
Teorico degli UFO

"Non apparvero e scomparvero solamente, apparvero sopra al Campidoglio, sopra alla Casa Bianca e sopra al monumento a Washington. I caccia a reazione decollarono per intercettare gli strani oggetti. Quando si avvicinarono, tutti e 7 improvvisamente scomparvero.  Alcuni ufficiali dell'aviazione degli Stati Uniti dissero che i piloti tentarono di colpire gli UFO, ma che non riuscirono perché questi erano più veloci dei nostri aerei".
Prof. Bill Birnes
Autore "The Haunting of America"

Alcuni giorni dopo la violazione dello spazio aereo sopra il Campidoglio americano, il generale John Sandford, direttore dei servizi segreti per l'aviazione degli Stati Uniti, parla dell'accaduto durante una conferenza stampa al Pentagono:
"Abbiamo ricevuto circa duemila segnalazioni. Una parte di questi strani avvistamenti ci è pervenuta da osservatori decisamente attendibili".


La conferenza stampa del generale Sandford, 29 luglio 1952


Fa riflettere il fatto che a volte l'improvvisa comparsa degli extraterrestri coincida con dei periodi di tumulto politico e di svolta nella storia.
David Childress
Autore "Le Scoperte Scientifiche delle Antiche Civiltà"

Cosa sono queste strane luci che penetrano nello spazio aereo della capitale degli Stati Uniti? Possono essere, come suggeriscono i Teorici degli Antichi Astronauti, velivoli extraterrestri inviati qui per monitorare questa svolta decisiva nella nostra storia?
Se così fosse, è accaduto anche per la nascita degli Stati Uniti d'America?

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali