2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

Perché Dio era in collera

Nell'analisi dei miti del diluvio condotta dall'Holocene Group sono state pressoché trascurate le spiegazioni addotte per il diluvio universale: perché Dio era in collera. Questo vale sia per il racconto della Genesi sia per la mitologia greca, in cui Zeus inviò il diluvio per punire gli uomini della loro empietà. Fu l'ira di Dio a causare il diluvio anche nelle narrazioni sumeriche riportate nel Gilgamesh, e senza dubbio in molte altre mitologie.

Da un punto di vista logico, non c'è alcun motivo per sostenere che la divinità - ammesso che un'entità del genere esista - abbia qualcosa a che fare con gli impatti di oggetti extraterrestri che hanno periodicamente tramortito la Terra nel corso degli ultimi 5 miliardi di anni. Se Dio scaglia comete e asteroidi sulla Terra per punire l'umanità delle sue malefatte, perché ha colpito il pianeta miliardi di anni prima che gli esseri umani entrassero in scena? Per esercitarsi? Perché i dinosauri si comportavano male?
Si potrebbe supporre che alcune di queste catastrofi, fra cui il diluvio universale, fossero di origine divina perché questo è ciò che è scritto nella Bibbia e in altri sacri testi antichi. Ma non c'è alcuna prova convincente a sostegno di una connessione tra la qualità morale del comportamento umano e il verificarsi di disastri naturali. Soltanto la più primitiva superstizione potrebbe indurre qualcuno a chiedersi se il livello di condotta nella nostra attuale civiltà sia così deprecabile da spingere Dio a tirarci una palla infuocata in testa. Lo stesso si può dire dell'illusione secondo cui, se in qualche modo dovessimo comportarci meglio e pregare in continuazione, forse Lui/Lei potrebbe fare in modo di scongiurare un disastro planetario.

Noi, con la nostra mentalità moderna, razionale, scientifica, giustifichiamo con condiscendenza i nostri antenati per aver attribuito caratteristiche umane ai fenomeni naturali, e per averne concluso che il diluvio universale fu la conseguenza dell'ira di Dio. E scartiamo la loro spiegazione come non scientifica, il che ovviamente è vero, anche se in effetti tocca un punto delicato. Di cosa siamo colpevoli, come civiltà? Come insieme di individui, ciascuno dei quali ha certi diritti inalienabili, la civiltà non meriterebbe mai una punizione, perché troppe persone buone e troppi bambini innocenti ne soffrirebbero e ne morirebbero. Ma vista come un'entità coerente, organica, di cui tutti gli individui sono soltanto una parte, la civiltà è meritevole di castigo né più né meno di voi o di me.
Ma, allora, in che misura meritiamo una punizione? E in che misura ne abbiamo bisogno?

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali