2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

2012, risvegliarsi a una più grande realtà

Che cosa accadrebbe se un mattino ci svegliassimo e scoprissimo che la nostra percezione della realtà è cambiata? Non cambiamenti di poco conto, ma un modo radicalmente diverso di percepire il mondo tridimensionale e non solo? Se vedessimo ombre di altre creature o esseri olografici? Se udissimo delle voci, alcune lontane e confuse e altre che si rivolgono direttamente a noi, come a una festa; che ci parlano del tempo e dello spazio, della natura della realtà e delle possibilità di viaggiare consciamente nello spazio-tempo?

Che cosa accadrebbe se di colpo sapessimo, per esempio che cosa accadrà tra poco, che cosa stanno pensando gli altri o conoscessimo eventi che accadranno nel futuro? Se iniziassimo a vedere e a percepire energie sottili, e diventassimo consapevoli dei più piccoli cambiamenti nel nostro corpo e nell'ambiente che ci circonda? Saremmo pazzi? Assolutamente no.

Ogni giorno, sempre più persone sperimentano in gradi diversi nuove e strane percezioni. Che cosa sta accadendo? E perché? Che cosa significa? Siamo pronti per cambiamenti così drastici all'interno della nostra visione della realtà? E perché queste cose accadono ad alcuni e ad altri no? Possiamo o dobbiamo fare qualcosa al proposito? Siamo per caso vittime di una coscienza che sta uscendo dal nostro controllo? Assolutamente no.

Quello che sta accadendo è una trasformazione della coscienza. Molti ritengono che il 2012 sarà la fine del mondo, con distruzioni di massa e fenomeni planetari di grande portata. Anche se fenomeni di questo genere potranno accadere, il nostro pianeta ha cambiato molte volte aspetto all'alba della creazione. La nostra presenza qui non cambia questa realtà.

Il vero significato delle antiche profezie sul 2012 è che stiamo per fare un salto di immensa portata nell'evoluzione umana. Entrando in questa transizione tra due ere abbiamo l'opportunità collettiva di interrompere un modo di essere inconsapevole. Durante l'imminente cambiamento scopriremo che il nostro modo di vivere e di percepire il mondo muterà drasticamente rispetto alle antiche visioni e alla visione attuale.
Un cambiamento di era esige un cambiamento di coscienza, un modo completamente diverso di esistere.

E' inutile negarlo: il nostro mondo si trova a un punto critico tra la sopravvivenza della specie umana e la sua distruzione, e la conferma ci viene proprio in questi giorni dal dramma del Giappone. La responsabilità è imputabile in certa misura a decisioni prese solo per riempire i forzieri di poche persone, ma la responsabilità più grande è il senso di autocompiacimento dell'umanità. Ci troviamo bene con tutto ciò che rende la nostra vita confortevole. Perciò, lasciamo che siano "loro" a prendersi cura di tutto. "Loro" hanno creato questo pasticcio, non noi, e "loro" devono metterlo a posto. Abbiamo creato un'illusione di agio e di sicurezza che non funziona più.
Avvicinandosi alla transizione tra due ere, verso il 2012 e oltre, in noi sta accadendo qualcosa che ci condurrà a nuove differenti forme di coscienza.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali