2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

Una situazione critica per l'umanità

Che i Maya prevedessero o meno il periodo attuale, siamo senza dubbio di fronte alla situazione più critica che l'umanità abbia dovuto affrontare dal momento della sua nascita. Nel solo inverno 2006-2007, il clima sembra avere raggiunto un punto critico. Nella città di New York, la temperatura segnò 15 gradi in più dello stesso periodo dell'anno precedente e a Central Park sbocciavano fiori che in genere fioriscono solo a marzo. Questi sono solo alcuni segni visibili della verità traumatica del momento che stiamo vivendo, una verità negata con tutte le loro forze dai governi e dal mondo dell'industria.

Il paradigma che regge da 400 anni la nostra civiltà si sta avviando alla sua fine. Senza una riorganizzazione radicale e una rapida trasformazione globale, c'è una forte probabilità che la specie umana si estingua com'è già accaduto a molte altre specie.
Con l'accelerazione dei cambiamenti climatici, lo scioglimento delle calotte polari e l'abbattimento delle foreste pluviali, i prossimi 30 anni vedranno l'estinzione del 25% di tutte le specie viventi. La scomparsa globale delle rane e degli anfibi lascia prevedere un futuro inospitale per molte forme di vita, compresi gli esseri umani. Anche solo da un punto di vista materiale e razionale, i prossimi anni saranno un momento di decisioni cruciali, anche se la maggioranza della popolazione americana, e di tutto il mondo, si aggira come sonnambula nelle corsie dei supermercati, ipnotizzata dalla "informazione programmata" che trasmette il messaggio che l'attuale situazione potrà continuare senza radicali rotture con il passato.

Benché l'immobilismo o la negazione siano le reazioni tuttora più diffuse di fronte alla crisi incombente, esistono anche visioni alternative. Ciò che si manifesta in apparenza come caos e collasso è in realtà un processo naturale che accompagna un progresso evolutivo della coscienza umana. Ciò che siamo destinati a sperimentare nel corso della nostra esistenza non è la fine del mondo, ma la nascita di una mente umana superiore. Non siamo impotenti spettatori di un dramma, ma attori con il potere di influenzare direttamente gli eventi.

Nei prossimi post tracceremo le linee portanti di questo paradigma alternativo, fondato sulle realtà psichiche oltre che su quelle materiali. Descriveremo poi alcuni sviluppi e tecniche che, rafforzate nel tempo, potranno avere un influsso positivo sul corso degli eventi. Effetti positivi si potranno avere se un'avanguardia dell'umanità saprà superare gli ostacoli e i condizionamenti per sviluppare una coscienza intensificata dell'attuale situazione, impegnandosi con efficacia e in modo cooperativo a diffondere il nuovo paradigma su tutta la terra.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali