2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

Le guide spirituali maya: Quetza Sha, Tze'ec Ba'lam (Dan Rios) e Alejandro Cirilo Pérez Oxlaj (don Alejandro)


Collaboratore di Hunbatz Men è una figura originaria di Città del Messico, conosciuta come Quetza Sha e che si autodefinisce uno sciamano maya-atzeco. Dirige quella che chiama "Università galattica", dove offre corsi di karma, psicologia transpersonale e geometria sacra. L'allettante sito internet (www.quetzasha.com) lo definisce un maestro di un gruppo esoterico chiamato Ordine Solare Sovrano di Chichén-Itzà e vi si legge che l'anno 2012 porterà una trasformazione positiva per l'umanità, la creazione di una "tribù solare" unificata e la nascita dell'era del sesto sole azteco. Ci informa che i Maya "sono giunti dalle stelle... da Plutone, Nettuno e Urano" e che "scomparvero, senza apparente motivo, centinaia di anni fa", affermazione che spinge a chiederci se anche i milioni di Maya contemporanei condividano il corredo genetico di quegli antichi antenati. Benché gli insegnamenti di Sha siano di grande stimolo per i suoi studenti, il suo messaggio, come molti che fanno capo al movimento 2012, è decisamente estraneo alla realtà del mondo maya.
Dan Rios è un maestro spirituale New Age che si presenta con il nome di Tze'ec Ba'lam. Come Sha ha solo una parziale ascendenza maya, attribuendosi però il titolo onorifico di Alom Ahau. Sul suo sito web si legge che "l'ultima data registrata nel sacro calendario maya Tzol'kin [sic] è il 21 dicembre 2012 e la grande purificazione della Madre Terra è già in atto" (leggi il testo intero qui). Data la natura perpetua del calendario cholq'ih di 260 giorni, in uso da migliaia di anni e utilizzato ancora oggi dai Maya del Guatemala, l'espressione "ultima data registrata" è di difficile comprensione.

Il più tradizionale e rispettato degli attuali maestri maya collegati al fenomeno 2012 è un anziano dei Maya K'iche', Alejandro Cirilo Pérez Oxlaj. Don Alejandro, chiamato affettuosamente tata (papà), nacque a Quetzaltenango, la seconda città del Guatemala, e crebbe nel vicino villaggio di San Francisco del Alto. Secondo la moglie, ricevette a tredici anni da suo padre il sacro vara, la manciata di sacri semi di tz'ite utilizzati dagli oracoli maya guatemaltechi. In questo modo, il padre diede inizio alla tredicesima generazione di guide spirituali nella sua famiglia. In seguito, durante una rivelazione, degli "esseri invisibili" diedero ad Alejandro il nome di Wakatel Utiw (Lupo Vagante), unitamente al mandato di "Voce della foresta" e "messaggero dei Maya". Dalla sua attuale residenza ad Antigua, in Guatemala, presiede il Consiglio nazionale degli Anziani maya del Guatemala, forse la più grande delle associazioni multietniche degli anziani maya. Come parte della sua missione viaggia in tutto il mondo in rappresentanza dei Maya, diffondendo profezie e messaggi di amorevole rispetto per tutti gli esseri in preparazione di un prossimo periodo di transizione per il mondo. Molti ajq'ijab, o guide spirituali maya, gli tributano una sincera ammirazione, soprattutto per l'umiltà e la generosità di spirito.

Ma, anche nel caso di questo stimato anziano maya, ben pochi elementi riecheggiano lo straordinario lavoro di Hunbatz Men e José Arguelles, che diedero per primi vita al fenomeno 2012. In uno dei suoi discorsi, per esempio, parla di ripetute visite dei maestri delle Pleiadi ai Maya e ad altri popoli della terra. La visita di maestri mitici ha un parallelo in un episodio fondamentale del Popol Vuh, il libro sacro dei Maya K'iche', in cui i primi quattro esseri umani, antenati sovrannaturali dei K'iche', vanno e vengono da una grande città a oriente, portando molte cose utili ai loro discendenti. In quella che appare come una rivisitazione di questo antico mito, la città santa a oriente diventa una costellazione molto nota nei gruppi New Age. Un sito web gli attribuisce queste parole:
"I teschi di cristallo vennero portati dalle Pleiadi e parlano della reincarnazione... La Madre della scienza maya è pleiadiana. Questi teschi devono ritornare al luogo a cui appartengono. Questa è la scienza del futuro dopo il 2000. Maya significa "il mio popolo". Sono venuti da Atlantide. Le nostre prime piramide sono là, sotto l'acqua, nell'area delle Bermude. Tulan era il nome della città di Atlantide... Vi sono state molte visite dalle Pleiadi, poi vi ritornarono e vennero di nuovo qui, in Asia, Tibet, Kaimaya e in India. Venivano chiamati "Nagamaya". Vi sono prove di queste visite... Nel 2012, i saggi ritorneranno un'altra volta".
Questi riferimenti (i teschi di cristallo portati dalla costellazione delle Pleiadi, Atlantide e l'antica presenza dei Maya in Asia) ricordano distintamente gli insegnamenti di Hunbatz Men e di José Arguelles. Niente di tutto questo trova fondamento nelle fonti storiche maya a noi conosciute e non è frutto di studi seri ad opera di ricercatori maya o non maya. Ma, poiché queste parole non costituiscono una fonte affidabile, e la traduzione potrebbe essere scorretta o inesatta, potrebbero non rappresentare il pensiero di don Alejandro. Comunque, avendo guidato quest'ultimo dei viaggi spirituali nel mondo maya assieme a Hunbatz Men, a quel tempo collaboratore di Arguelles, non è improbabile che condividessero alcune idee. Un'altra dichiarazione attribuita a don Alejandro afferma per esempio che un periodo di cambiamenti radicali
"giungerà a compimento nel Dodici Baktun ed è iniziato il 17 agosto 1987, la Convergenza Armonica... La Convergenza Armonica è iniziata nel Dodici Baktun, Tredicesimo Ahaw, e finirà nel 2012 o 2013 del vostro calendario" (leggi il testo completo qui)
La Convergenza Armonica a cui si fa riferimento deriva da un lavoro del 1971 di Tony Shearer e venne in seguito popolarizzata da José Arguelles. Vista in retrospettiva, questa data ha segnato un momento fondamentale nello sviluppo del fenomeno 2012. Purtroppo, questa Convergenza Armonica non ha nessun riscontro nella cultura maya e si basa, in assoluta assenza di prove, su un'interpretazione personale del folclore tolteco. L'attribuzione di queste affermazioni a don Alejandro non ne diminuisce comunque lo status di maestro spirituale e anziano maya, dimostrando però la facilità con cui idee non maya possono venire confuse con fonti realmente tradizionali.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali