2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

Tempeste solari, macchie e flare: il loro ruolo nella profezia del 2012


L'attività solare ha una connessione molto forte con la vita sulla Terra: influenza il nostro clima, il nostro umore, il livello dell'acqua dei laghi, la crescita degli alberi e il deposito di minerali nel suolo. Ma, ancora prima di fare tutto ciò, fa sì che possa esserci vita sulla Terra.
Anche nel caso del Sole si ripete un concetto con il quale abbiamo ormai preso familiarità: l'energia da esso emanata non è sempre la stessa. Il Sole vive cicli regolari di tempeste magnetiche (le macchie solari), che possono essere accompagnati da potenti emissioni di materia e che sono seguiti da periodi calcolabili di quiete. Una macchia solare è una regione più scura sulla superficie dell'astro perché in essa la concentrazione di un forte campo magnetico inibisce il trasporto di energia. Questo significa che una macchia solare è una regione più fredda rispetto ai suoi immediati dintorni; per esattezza, più fredda di circa 1500 gradi Celsius.
Il numero medio di macchie solari presenti sul Sole non è costante ma varia tra periodi di minimo e periodi di massimo. Si definisce ciclo solare la porzione temporale, ampia in media 11 anni, contenuta tra un periodo di minimo e il successivo periodo di minimo.

Ogni ciclo solare attivo ha momenti in cui i flare, violente eruzioni di materia che liberano radiazioni e potenti corrente elettriche nello spazio, sono più forti. La maggior parte delle volte i flare, dopo l'esplosione, ricadono sulla superficie stessa del Sole. Ma questo non si verifica sempre: ci sono casi di flare estremamente violenti, chiamati CME, Coronal Mass Ejection, che vengono sparati via dal Sole come proiettili verso i pianeti. E' facile immaginare le conseguenze della caduta di un CME sulla Terra.

Le macchie solari, osservabili a occhio nudo, sono state studiate fin dall'antichità. Nel 1610, per la prima volta, gli astronomi Johannes e David Fabricius le hanno esaminate utilizzando un telescopio. Dalla metà degli anni Settanta del Novecento sono tenute sotto controllo dai satelliti.
Da quando li si studia sistematicamente, si sono succeduti 23 cicli di attività solare, della durata media di 11 anni ognuno, l'ultimo dei quali è iniziato nel maggio del 1996 ed è cessato il 10 marzo del 2006.
Nel centro di un ciclo solare, fra un minimo e il successivo, le macchie solari raggiungono il periodo di massimo: ne consegue che il periodo di tempo fra un minimo e un massimo solare è solitamente variabile dai cinque ai sei anni.

Il fisico David Hathaway del Marshall Space Flight Center, durante un incontro dell'American Geophysical Union a San Francisco, ha affermato che il ciclo solare numero 24 
"ha tutte le carte in regola per essere il più intenso ciclo solare degli ultimi 400 anni".

Ha calcolato che, nel momento di massimo, le macchie solari saranno pari a 160, dandosi un margine di errore di 25 macchie in eccesso o in difetto.
Il ciclo numero 24 potrebbe raggiungere il suo picco proprio nel 2012.
L'analisi di Hathaway è stata confermata anche dal professor Mausumi Dikpati del National Center for Atmospheric Research di Boulder, in Colorado.



Quando una tempesta solare si scontra con il campo magnetico terrestre, l'impatto causa una scossa nel campo stesso. Se tale scossa è molto potente prende il nome di tempesta geomagnetica.
Nel 1958 si è registrata una tempesta geomagnetica così forte che le aurore boreali hanno illuminato i cieli a latitudini meridionali come quelle del Messico. A quel tempo, però, non esisteva ancora l'attuale tecnologia nelle telecomunicazioni e la sua diffusione capillare sul pianeta; e a quel tempo non erano in orbita satelliti che le tempeste elettromagnetiche potessero mettere fuori uso: se accadesse oggi quello che è accaduto nel 1958, gli effetti sarebbero sicuramente molto più gravi.
La nostra tecnologia potrebbe tradirci.
Una buona dimostrazione ce l'ha fornita un flare che nel 1989 ha colpito il continente nordamericano bruciando le linee elettriche, facendo saltare le power grid negli Stati Uniti e in Canada e provocando pertanto lunghi blackout di corrente. E si è trattato solo di un episodio.
Che cosa succederebbe se gli episodi fossero molti e ripetuti in breve tempo?

Un assaggio ci è stato dato nell'anno 2005, caratterizzato dall'arrivo sulla Terra di flare estremamente potenti; e il 2005 è stato un anno di minimo solare eppure a settembre si è raggiunta una fase culminante delle tempeste, in una delle settimane più turbolente della storia dell'attività solare documentata.
E' pur vero che il campo magnetico terrestre ci protegge: ma il campo magnetico terrestre si sta indebolendo e potrebbe cessare di essere una valida protezione (per maggiori info sull'argomento leggi questo post).
Se in un periodo di minimo solare si sono verificate tempeste tanto potenti, che cosa accadrà nel prossimo periodo di massimo che potrebbe coincidere proprio con il 2012?
Che cosa accadrà se il campo magnetico terrestre, come sembra, continuerà a indebolirsi?
Quella che si prospetta è una situazione davvero preoccupante ma questo non è ancora tutto.


Il centro di massa del sistema solare si sposta continuamente a causa delle configurazioni orbitali e degli allineamenti planetari, e può arrivare a raggiungere un punto lontano anche 1,6 milioni di chilometri dal Sole stesso. Come è naturale che sia, il Sole tende a oscillare e a rigonfiarsi verso il centro di massa del sistema solare. Quanto è più intensa l'attrazione gravitazionale che agisce sul Sole, tanto più probabile è che la superficie della stella si fessuri, liberando di colpo quella che viene chiamata "radiazione imprigionata", l'insondabile quantità di radiazione intrappolata dentro il Sole, una radiazione che può essere rimasta intrappolata anche da decine di migliaia di anni e la cui violenza è davvero inimmaginabile. In circostanze normali questa radiazione fuoriesce dal Sole in un flusso più o meno costante, ma se la superficie della nostra stella venisse lacerata, la radiazione imprigionata potrebbe essere rilasciata in grandi eruzioni.
Secondo i calcoli del fisico quantistico Thomas Burgess il prossimo picco della forza di marea planetaria, quindi sostanzialmente la somma delle attrazioni gravitazionali esercitate dai pianeti sul Sole, si avrà verso la fine del 2012.
La fine del 2012.
Il massimo delle macchie solari, che per un'inquietante coincidenza è previsto anch'esso per quell'anno, aggraverà la situazione, sottoponendo la stella a una sollecitazione estrema. La sinergia della pressione gravitazionale e di quella elettromagnetica che agiscono sul Sole inevitabilmente ne distorcerà e ne tenderà la superficie, scatenando megaeruzioni di radiazione imprigionata. Megaeruzioni che potrebbero anche ricadere su una Terra con un campo magnetico indebolito a tal punto tale da non arginarle.

Sami Solanki, dell'Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare di Katlenburg-Lindau, in Germania, ha dichiarato che
"attualmente il Sole è più attivo che in qualsiasi altro momento degli ultimi 11.000 anni, con l'eccezione, forse, di alcuni brevi periodi".
Un numero crescente di paleoclimatologi, gli studiosi della storia del clima terrestre del lontano passato, sta giungendo alla conclusione che sistemi complessi come l'atmosfera saltano da uno stato stazionario al successivo con brevi periodi di transizione. Questo significa che il clima potrebbe cambiare radicalmente anche in breve tempo.
Richard Alley, professore dell'Università della Pennsylvania specializzato nello studio dei mutamenti climatici repentini, attraverso l'analisi di carote prelevate dal ghiaccio in Groenlandia ha mostrato che l'ultima era glaciale, conclusasi 10.000 anni fa, ha avuto termine non nella
"lenta deriva del tempo geologico ma al passo rapido del tempo reale, e che l'intero pianeta si riscaldò improvvisamente in soli tre anni".
Se un mutamento climatico altrettanto drammatico dovesse ripetersi oggi, con un pianeta popolato da quasi sette miliardi di abitanti, legati in un'economia globale interdipendente, le conseguenze sarebbero catastrofiche, ben al di là di qualsiasi altro evento catastrofico che la storia umana abbia vissuto.

Il glaciologo dell'Università dell'Ohio Lonnie Thompson da anni sta raccogliendo una massiccia documentazione e riprova del fatto che 5200 anni fa la Terra abbia subito una catastrofe climatica. Attraverso l'analisi di molti elementi, che vanno dagli anelli di crescita degli alberi ai cadaveri umani, dal polline delle piante agli isotopi dell'ossigeno, lo scienziato è giunto alla conclusione che 5200 anni fa un'improvvisa caduta, seguita da un'impennata dell'attività solare, ha trasformato il Sahara da una zona verdeggiante in deserto, ha ridotto le calotte glaciali ai poli e ha alterato l'ecologia globale: 5200 anni fa ci riporta all'incirca al 3100 a.C., un periodo che abbiamo già incontrato nel nostro viaggio. Allora è nata l'antica civiltà del grande Egitto; allora Krishna è morto e ha avuto inizio l'era attuale, il Kali yuga; da allora parte il calendario maya.
Lonnie Thompson è convinto che le condizioni che hanno condotto allo stravolgimento di 5200 anni fa fossero simili a quelle che stiamo sperimentando oggi.
Questo lasso di tempo, 5200 anni, ci ricorda qualcosa... La lunghezza del Lungo Computo maya, al termine del quale ci sarà la fine del mondo o, almeno, la fine di un mondo; quello in cui viviamo.

16 commenti:

Anonimo ha detto...

voglio solo aggiungere che da più di 2 anni il sole sta vivendo un'attività così bassa che quasta fase è paragonata alle più basse mai registrate a partire dall 1600! tutto ciò smentisce l'articolo appena letto!...ciao a tutti

Anonimo ha detto...

comunque articolo che rimane molto molto interessante!!!!...ciao

Anonimo ha detto...

L'attrazione gravitazionle verso il Sole sta diventando sempre più intensa..da cosa può dipendere?cos'è che può condizionare l'attività gravitazionale se non il magnetismo terrestre...forse no, anzi sicuramente no!ma permettetemi da inesperto in materia una domanda;sulla terra cosa produce campo magnetico?i cellulari,i grandi sistemi tecnologici di previsione metereologica,gli aerei in quota ecc. non è che il tutto va in contrapposizione con il magnetismo naturale terrestre? causando un indebolimento dello stesso?ciao a tutti.

Anonimo ha detto...

allora ....i cellulari e tutte le altre cazzate nn causano nessun danno al cmapo magnetico, al massimo fanno male a noi....questo è sicuro !!

quello che causa invece il campo magnetico della terra e che ne evita il collasso (alias la nostra fine in tutti i sensi) è il movimento del nucleo terrestre , muovendosi quest'ultimo genera magnetismo !ultimamente pero' prove scientifiche moolto attendibili hanno confermato che il campo magnetico si sta rapidamente spostando e si sta lacerando ...per colpa di nn si sa cosa

Anonimo ha detto...

tutti dovrebbero leggere queste notizie , perche gran parte sono vere , invece noi italiani in tv sappiamo trasmetteree solo beautiful a altre stron77ate simili ....che brutta fine

Anonimo ha detto...

ultimamente nn so se l'avete visto al tg, la nasa ha confermato quello che aveva predetto 2-3 anni fa, cioe' la grandissima tempesta solare che colpira' proprio nel periodo di transito 2012-2013 !!!pensate che hanno fatto addirittura un meeting con i pezzi grossi piu' importanti per trovare rimedio a questo grosssooooo problema , problema di tutto il mondo e di tutti noi !

Anonimo ha detto...

leggete, leggete pure e tenetevi informati. tanto la vostra condizione non cambierà: se il mondo finisce, voi finite con esso.

Anonimo ha detto...

vi è molta ignoranza nelle case di ognuno di noi, per non parlare della televisione. chiunque scrive parlando del 2012 come una bufala è perchè ha paura, una paura che lega scettici o meno, ma il 2012 non deve essere trattatro come un'inchiesta per blog, scettici o meno, ma come un mero fatto scentifico, e credetemi prima o poi, ed è stato confermato dai più rinnomati scienziati e politici, accadrà, nel 2012 o l'anno successivo, o domani!!! post scritto: la scieza conferma che prima o poi vi sarà una grande catastrofe, ma la stessa conferma che non si può determinare "quando", seppur vi sono importanti segni premonitori che ci dicono, a detta degli scienziati, che avverrà molto più presto di quando ci potessimo immaginare. credete in voi stessi e non date credito alle parole degli altri, specialmente a quelle degli sciettici, credete al vostro cuore perchè è grazie ad esso se riuscirete a sopravvivere in caso di catastrofi, firmato: "la voce della VERA scienza.

Anonimo ha detto...

è vero , la cosa piu' sbaglaita che si puo' fare è dare retta a chi dice che nn succedera' niente .....poveri loro

Jetset - Libere Risonanze ha detto...

Ma figurati, credi che tutti siano dei boccaloni?
Ascolta la grandissima Margherita Hack invece di scrivere 'ste cazzate.

http://www.astroperinaldo.it/blog/notizie-astronomiche/esplosioni-sul-sole-flare-brillamenti-solari/

http://www.youtube.com/watch?v=MGCaD2z9IB8

Anonimo ha detto...

bah....

Anonimo ha detto...

Io non posso dire nè che credo nè che non credo che succederà qualcosa, non ne ho certamente l'autorità culturale. Quello che credo davvero è che comunque vada, se dovesse accadere la catastrofe non sarà un fulmine a ciel sereno. Ci sono i presupposti perchè possa accadere qualsiasi cosa, dal tutto al nulla. Comunque vada chiunque potrà dire - io l'avevo detto. Tutto è a valori prossimi alla soglia, sia che dipenda dagli uomini come l'economia e le guerre come il quadro della natura in senso cosmologico. Che dire? Cerchiamo di essere buoni per quanto dipende dall'uomo e preghiamo per quanto riguarda il Signore.

Anonimo ha detto...

non so se credere o meno.. articolo interessante ma preoccupante.. io direi di vivere felicemente qst 2012 poi... bho... ciao

Anonimo ha detto...

o no moriremo tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Anonimo ha detto...

vorrei rispondere a jetset,il quale afferma che sono tutte cazzate.Il sottoscritto con una laurea in fisica gli dice questo:nel mondo accademico è da un pò di tempo che i docenti dei vari atenei assieme a mass-media cercano di far passare le notizie riguardanti ai vari cambiamenti epocali come cose senza senso.Credimi all'auniversità ho parlato in maniera confidenziale con parecchi ricercatori è mi hanno tutti confermato la stessa cosa...è in atto un cambimanto epocale a livello cosmico!!!Quindi prima di menzionare Margherita Hack,che oltrettutto parte di quel meccanismo oscuramentista chiamato cicap,ti consiglio di leggerti Giuliana Conforto o di studiare un po di fisica.

Anonimo ha detto...

mi associo con il commento qui sopra.io sono esattamente dieci anni che segue eventi "solar flare"categoria M e X che i simpaticoni qui sopra non sanno neanche cosa sono.PUNTO 1 si rispetta sempre un argomento scientifico e non si scrivono diavolerie o citare pesonaggi da fumetto.vi consiglio invece di andare in SOHO sonda solare e vedere solo un brillamento di categoria M1.1 di cosa è capace...poi vi rendete conto che la situazione è grave..ora siamo esattamente ad agosto e dall'inizio dell'anno la nostra stella ha emesso molti CME(ma cosa vuoi che sappiano,parlano a sproposito)categoria tra la M e la X..io non sono laureato ma parlo x quello che conosco...è sempre quella la storia la maggior parte delle persone se ne frega..ma ricordatevi che gli eventi cosmici sono ancora incalcolabili x le nostre conoscenze..ora la sonda SOHO e la SDO sono in costante cover up xkè la NASA e ESA sanno qualcosa che non deve essere reso pubblico...LEGGETE invece di fare commenti INUTILI...e noi NON SIAMO INVINCIBILI nell'universo ma siamo col nostro pianeta un puntino in mezzo a giganti stelle....ora il massimo solare si sta facendo sentire....preciso come un'orologio....ma sinceramente dalla società che si è evoluta una batosta classe X farà solo bene...via tutta la rete globale di elettricità..via telecomunicazioni e poi saranno gli ANIMALI a sopravvivere xkè a differenza nostra loro sanno vivere senza niente...a noi resteranno solo pezzi di carta chiamato denaro...sveglia...se ci sono errori ortografici mi scuso ma non mi vergogno...io sono sincero...ciao

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali

Blog Archive