2012 - La Distruzione

Cosa c'è di vero?

Maya Galattici: Arguelles e la teoria degli alieni



Fiorella Capuano, fondatrice del Giardino di Pace di Ceglie Messapica, un centro di riabilitazione della mente naturale in cui viene applicata la legge del tempo maya, afferma: "E' necessario fare una distinzione fra Maya storici e Maya Galattici. I Maya Galattici sono i Maya più evoluti e sono vissuti nel periodo storico di maggiore pace, armonia e bellezza; l'epoca, cioè, dell'imperatore Pacal Votan, che ha lasciato questo grande messaggio nella tomba di Palenque che è la sua tomba e dalla quale molti storiografi stanno ancora traendo informazioni. I Maya Galattici sono arrivati sulla Terra da altri livelli di coscienza, sono i conoscitori del tempo e sono venuti qui per una missione, per insegnare a noi umani a cambiare il nostro modo di vivere per tornare al rispetto della terra, dell'armonia. Pare che a un certo punto abbiano volutamente lasciato il pianeta, siano andati verso altri livelli di coscienza, siano usciti da questa dimensione con i corpi per tornare ancora nella nostra epoca, per aiutarci in questo grande momento di cambiamento che stiamo vivendo e per completare la loro missione".


Il pensiero di Fiorella Capuano si rifà alle teorie elaborate dall'antropologo José Arguelles, professore universitario, maggiore conoscitore al mondo del popolo e della cultura maya, autore di un libro sulla profezia del 2012, Il fattore maya.
Il professor Arguelles, basandosi sui suoi decennali studi, sostiene che la razza umana abbia tentato tre volte di abitare il sistema solare: la prima volta a Maldek, pianeta che è stato poi smembrato nell'attuale cintura di asteroidi; la seconda su Marte e poi, quando anche sul pianeta rosso la vita non sarebbe stata più possibile, sulla Terra.

Di tutti i pianeti del sistema solare, Marte risulta in effetti essere il più simile al nostro: è schiacciato ai poli, ha calotte ghiacciate ed è dilatato all'equatore. Nel 1877 l'astronomo italiano Giovanni Schiapparelli ne ha osservato la superficie con il suo telescopio, ha individuato dei solchi che ha poi identificato come canali dove probabilmente, in epoche remote, scorrevano corsi d'acqua.
Dove c'è l'acqua c'è anche la vegetazione e quindi c'è l'ossigeno: si può pertanto supporre che un tempo questo pianeta fosse abitabile.
Nella metà degli anni Settanta del XX secolo alcune sonde spaziali americane hanno scattato e inviato sulla Terra migliaia di foto di Marte dalle quali è stato possibile visualizzare alcune strutture anomale apparentemente inspiegabili sulla superficie del pianeta. Una in particolare, nella piana di Cydonia, ha disorientato l'opinione pubblica: un volto scolpito, con sembianze umane e dalle dimensioni gigantesche, lungo 3 chilometri e largo un chilometro e mezzo, rivolto verso l'alto.
Opera naturale dell'erosione oppure opera artificiale di una forma di vita intelligente?
Di fatto, la scienza attualmente non esclude che potrebbe esserci stata vita su Marte. Bisogna vedere naturalmente di che tipo e con quale evoluzione.


Ma torniamo ad Arguelles e alla sua teoria.
Il professore racconta d'essere stato contattato, all'inizio dell'1985, da Humbatz Men, un Maya. La chiave di ciò che Humbatz Men gli ha detto e che egli stesso avrebbe ricevuto per trasmissione orale, è che il nostro sistema solare sarebbe il settimo sistema che i Maya avrebbero studiato e di cui avrebbero tracciato la mappa, il settimo nel quale avrebbero navigato.
Se ciò fosse vero, allora si potrebbe affermare che i Maya, almeno alcuni, non fossero originari della Terra: sarebbero stati viaggiatori dello spazio e del tempo.
Arguelles prova a immaginare a questo punto un ipotetico percorso: dopo la "materializzazione" in Mesoamerica alcuni Maya sarebbero riusciti a conquistarsi la fiducia dell'avanzato ordine sacerdotale degli Olmechi e si sarebbero infiltrati in esso. Il loro palesarsi nel mondo olmeco sarebbe stato lo spunto per la nascita del mito dei Nove Signori del Tempo che abbiamo visto raffigurati nella camera sepolcrale di Pacal Votan. Da qui in poi, conosciamo la storia: lo sviluppo dei calendari, la costruzione delle città, le strabilianti conquiste astronomiche, la rapida ascesa e l'altrettanto rapida scomparsa di una civiltà straordinaria.
Ma per quale ragione dei viaggiatori galattici avrebbero dovuto decidere di fare tappa sulla Terra per poi sparire?
Nella visione ristretta e votata al particolare alla quale siamo abituati, tutto questo non avrebbe senso; ma se spostassimo la nostra visione, se la allargassimo all'intero universo, allora forse un senso riusciremmo a rintracciarlo.

I Maya Galattici avrebbero avuto una missione da compiere e avrebbero lavorato con fervore per lasciare all'umanità palazzi e iscrizioni che restassero a imperitura testimonianza del loro passaggio e del loro messaggio: questo spiegherebbe gli eccezionalmente fertili secoli dell'età dell'Oro maya.
Quei secoli che finora ci sono apparsi come un evento straordinario.
I Maya sarebbero venuti su questo pianeta con un obiettivo preciso: fornire un quadro completo di informazioni circa la natura e la funzione della Terra nel sistema solare e nel campo galattico in questa particolare era, quella cioè che va dal 3113 a.C. al 2012 d.C.
Dopo aver stabilito con precisione il rapporto tra il nostro pianeta, il raggio galattico che ha attraversato e attraverserà ancora per pochi anni nella quinta età, gli altri pianeti e il Sole, il loro compito sarebbe terminato. Almeno per il momento.
Così i Maya Galattici avrebbero lasciato la Terra. Capaci di prevedere i cicli del tempo, avrebbero, infatti, intuito l'arrivo di un momento nefasto e avrebbero scelto di lasciare il nostro pianeta per non essere distrutti, assicurandosi però, prima di farlo, che ciò che di importante doveva restare, restasse.
Il tempo delle tenebre si stava velocemente avvicinando, gli invasori erano prossimi a giungere e, con loro, la guerra, la morte, l'oppressione, le malattie e la paura: per questo le città furono rapidamente abbandonate e per questo si permise che lo splendore della cultura maya fosse, anno dopo anno, nascosto dalla giungla?
Nascosto per sopravvivere? Nascosto per tornare, al momento giusto?
Per tornare alla fine della quinta era, alla fine dell'età dell'Oro, il 21 dicembre 2012?

Per quanto incredibile questa teoria possa sembrare, essa spiegherebbe molti aspetti che finora ci sono risultati incomprensibili.
Spiegherebbe le tante raffigurazioni di umani fluttuanti, con i piedi leggermente sollevati dalla terra, che i Maya ci hanno lasciato.
Spiegherebbe la figura dell'astronauta sulla Lastra di Palenque.
E spiegherebbe anche perché, se è vero che i Maya del periodo classico hanno iniziato a costruire i loro templi e le loro città soltanto fra il 100 e il 300 d.C., essi avrebbero creato un calendario che aveva come data d'inizio il 13 agosto 3113 a.C., una data di molto antecedente alla comparsa stessa della loro civiltà.
Se credessimo all'ipotesi formulata dal professor Arguelles, tutto questo diventerebbe comprensibile.
Ma se davvero i Maya Galattici sono stati capaci di viaggiare non solo attraverso lo spazio ma anche attraverso il tempo, è necessario a questo punto chiederci in che modo abbiano potuto farlo.

Approfondisci con:
- Palenque, il sarcofago dell'astronauta e la Regina Rossa
- Sincronizzazione cosmica: è tempo di cambiare
- L'energia radiante. I Maya possono entrare nel nostro codice genetico

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono un testimone di Geova e sono geneticamente curioso della vostra prospettiva interpretativa circa l'accostamento profetico dei Maya e Nostra-damus. Il ruolo che ognuno di noi pone per l'argomento spingente i vari fattori pseudoveri, attuano a volte il potere ipnotico e cambriolante dei fatti. Tutto può essere lecito, ma quanto conveniente? E' vero che molte cose aprono le nostre perplessità, ma quante creano una vera aspettativa? Quale fronte sincronizzare per la riuscita della nostra conoscenza scientifica unita alla brama di conoscenza? Al buon senso l'ardua risposta.
N.B. Pùo sembrare, quanto detto, enigmatico, ma attenzione al pensiero intuiitivo.

Anonimo ha detto...

"Il ruolo che ognuno di noi pone per l'argomento spingente i vari fattori pseudoveri, attuano a volte il potere ipnotico e cambriolante dei fatti..."???

Anonimo ha detto...

a me sembra la trama di Alien Vs Predator

Anonimo ha detto...

Dai ma il primo ha fatto la supercazzola inventandosi le parole... :D...
Direi che è quasi inutile discutere di quello che sarà, è bello conoscere e discutere del passato ma per il resto chi vivrà vedrà...

Anonimo ha detto...

testimone di geova m'avete rotto a svegliarmi la mattina...

Anonimo ha detto...

A parte che il famoso "volto" di Marte si è rivelato una semplice montagna, della quale abbiamo immagini dettagliate inviate dalle sonde che stanno percorrendo la superficie marziana, a parte che qualsiasi VERO studioso di Storia Maya e delle altre civiltà centroamericane potebbe elencare una moltitudine di inesattezze relative ai dati storici citati... All'uomo è sempre piaciuto sognare guardando il cielo, fin dalla notte dei tempi, magari inventando favolette intrigranti come questa! Vediamo dopo il 2012 cosa tireremo fuori! Parlando poi di Testimoni di Geova, proprio loro attendevano la fine del mondo pochi anni fa... che è successo? Avete rimandato a data da destinarsi?

Anonimo ha detto...

il problema non e avere un credo non credere,il problema hai il corraggio di cambire tutto questo adesso e subito? perche nessuno o forse pochi hanno il corraggio di pensare con la propia testa meglio farsi trasportare e ipnotizare dai masmedia cosa dice la tv?internet? grande frattello? cosa va di moda? cosa ce scritto nel libro sacro? usa la testa vivi con amore.

Anonimo ha detto...

So solo che vorrei un posto di lavoro.

Anonimo ha detto...

Le foto di Marte sono ritoccate. Su un sito ho visto delle coppie di foto: da una parte quelle "ufficiali" e dall'altra le stesse foto ripulite coi filtri di Photoshop, il quale permette non solo di modificare le immagini, ma anche appunto di ripulirle.
Ecco, in quelle ufficiali si vede Marte come ce l'hanno sempre raccontato: terreno rossiccio e cielo giallastro. Invece quelle ripulite mostrano un terreno molto meno rossiccio, simile al nostro, e soprattutto un cielo AZZURRO: Marte è ben più simile alla Terra di quanto vogliono farci credere. Il dubbio che le foto fossero ritoccate venne vedendo come le foto delle sonde spaziali fossero di tonalità di colore diverso ogni volta. Apriamo gli occhi e non facciamoci ingannare da nessuno.

Anonimo ha detto...

'LAHPAF: ITETITSA8.... W7L'2IWRIZTAV_ONDA....LAHTVT:V7EP'F:ETHAIES:OPAL...

Anonimo ha detto...

Ma Arguelles non ha mai parlato né di fine del mondo e né di alieni.....chi se le inventa ste cose. È meglio che vi leggiate i libri di questo sig. Arguelles e magari capirete quale era il suo pensiero.

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca nel blog

Ricerca personalizzata

Indice dei post

Indice dei post
Clicca sul libro

Lettori fissi

Visualizzazioni totali